domenica 31 gennaio 2010

OS3


Una delle novità ventilate per l'evento della presentazione di iPad era la versione 4.0 del sistema operativo di iPhone e dei device mobili di Apple. Il sistema è invece la versione 3.2 dell'OS.
Quando Apple II GS fu presentato alla stampa nel lontano 1986 era un Apple II tutto nuovo, ma il sistema operativo che ne avrebbe sfruttato tutte le caratteristiche, il GS OS, non era ancora pronto e gli fu fornito la versione a 16 bit dell'allora attuale ProDos, il sistema di Apple II.

Mi piace immaginare che la stessa cosa sia avvenuta per iPad. Il sistema operativo è lo stesso di iPhone ed iPod, ma ci sono alcuni dettagli che mi lasciano credere che qualche cosa manca.
Per esempio la springboard (il Finder di iPad), cioè la vista ad icone, mi sembra un po' rudimentale. E la mancanza, ad esempio, della gestione di account utente, che in una macchina che è a tutti gli effetti un laptop sono essenziali.
Vogliamo scommettere che appariranno quanto prima con OS4?

sabato 30 gennaio 2010

iPad e privacy

Durante la presentazione di iPad non si è visto nulla che possa far presumere che esista la possibilità di creare diversi account utente. Esattamente come non esistono utenti in iPhone e nel suo OS3 (lo stesso sistema operativo usato da iPad). Ma mentre iPhone è un telefono, e come tale un oggetto che tende ad essere personale, iPad è anche - fra le tante cose - un giornale elettronico. Che contiene però anche tutta la mia corrispondenza ed il mio browser internet, che porta in memoria, per mia comodità, tutte le mie password per esempio di acquisto.

Se un amico mi chiede: “posso dare un’occhiata al giornale?” io di solito non gli metto in mano anche tutta la mia corrispondenza, professionale e privata. Allo stesso modo in cui non tengo le mie lettere private in evidenza sul tavolino all’ingresso di casa o dell’ufficio.

Il mio iPhone è protetto da una password d’accesso, al prezzo della scomodità di doverla introdurre in continuazione. È più difficile pensare di poter fare la stessa cosa con un accrocchio che è anche lettore di libri, film, di fotografie.
Quello che mi piacerebbe trovare in iPad non è una banale password di accesso, ma la possibilità di fornirne una per applicazioni che contengano dati sensibili, come Mail.
Al momento non esiste nulla del genere (credo che se ci fosse ce l’avrebbero mostrata), ma ritengo che sia essenziale dotare iPad di un sistema di controllo della privacy dei dati.

giovedì 28 gennaio 2010

iPad


Lo abbiamo atteso dal febbraio 1998 (anno di cancellazione di Apple Newton). Ora che è tra noi cerchiamo di capirne le potenzialità. Apple iPad è:

- un web device: la pietra tombale dei note book. Chi usa il personal computer per navigare e per la posta non deve più ricorrere a delle macchinette da uovo di pasqua ma allo stesso prezzo ha il più bello ed il più moderno degli oggetti;

- è il GooglePC. Ora che esiste iPad, the Big G andrebbe contro alla sua filosofia di cloud computing a volere creare hardware per conto proprio - basta passare per Safari o al limite basta installare Chrome; un G-Pad rischierebbe di fare la stessa figura del G-phone…

- è il cloud computing. Non c'è nessun motivo per cui io debba avere un gestionale sul PC collegato in tempo reale alla rete aziendale, quando posso lavorare direttamente su una web-app;

- è il famoso computer invisibile casalingo. È il libro computer dei film di fantascienza;

- è il knowledge navigator preconizzato nel 1987;

- è l'editoria elettronica (e la pietra tombale di Amazon Kindle) con la speranza di prospettive di sviluppo di una editoria indipendente che potrebbe distribuirsi solo per via digitale, saltando i canali tradizionali;

- è un Fat iPod (peccato che durante la presentazione non abbiano mostrato le nuove copertine degli album). Posso tenere aperta la mia copertina mentre trasmette musica all'hi-fi via wireless;

- è un laptop (molto cool), con Pages, Keynote, Numbers, Bento. Tutto l'office e volendo anche una tastiera vera;

- è un lettore portatile di film;

- è il famoso home computer, il C64 del nuovo millenio, con tutti i giochini (che provvederò subito a travasare da iPhone ad iPad);

- è il più bel quaderno dall'invenzione della scrittura.